Archivi categoria: televisione

Gli insegnanti bistrattati.

Spot pubblicitario di un gestore dell’energia: interno, giorno. Una portiera un po’ impicciona (evidentemente in agguato da ore) sta spolverando un enorme ficus nell’androne di un palazzo signorile, quando entra in scena un signore dall’aria un po’ dimessa che la … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, i giorni della scuola, personali, televisione | Lascia un commento

Gli orfani di “Ulisse”.

Sono un’accanita spettatrice di “Ulisse – Il piacere della scoperta” (una delle rare trasmissioni televisive che seguo) e ieri sera, con un po’ di disappunto, ho scoperto che quella sull’Imperatrice Elisabetta d’Austria è stata l’ultima puntata della stagione. Questa stagione … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, impara l'arte, passato (quasi) remoto, personali, televisione | Lascia un commento

Ma come ci siamo ridotti?

A giudicare dalle pubblicità televisive (non ho mai guardato molto la tv, ma ora trascorro più tempo in casa e il televisore spesso resta acceso: continuo a non guardare le trasmissioni, ma, mentre mi aggiro per casa, non posso fare … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, personali, televisione | Lascia un commento

Due fustini in cambio di uno.

Per quelli della mia generazione era l’elegante signore che, all’entrata di un supermercato, fermava le acquirenti con i carrelli colmi, invitandole a fare uno scambio (quanto vantaggioso?) tra un fustino di detersivo di una nota marca, con due più anonimi … Continua a leggere

Pubblicato in chi è di scena, così è la vita, mondo di celluloide, televisione | Lascia un commento

Storie di una levatrice.

Mi sono appassionata ud una serie televisiva, prodotta dalla BBC a partire dal 2012, intitolata “Call the midwife” che racconta le vicende di un gruppo di levatrici, religiose e laiche. che operavano nel popolare quartiere dell’East End di Londra negli … Continua a leggere

Pubblicato in in biblioteca, parliamo di donne, personali, televisione | Lascia un commento

Giovani dentro.

Sul palco di Sanremo passano i Pooh in ordine sparso, capelli grigi e rughe a profusione, tornano i Decibel (a trentotto anni da “Contessa”) e persino i giovani del Gruppo “Lo stato sociale” si fanno accompagnare da una ballerina ottantenne … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, e adesso musica, passato (quasi) remoto, televisione | 1 commento

Un Paese meraviglioso.

Nelle ultime settimane è andata in onda su Rai1 una trasmissione di Alberto Angela incentrata sui monumenti e sui luoghi del nostro Paese che sono entrati a far parte, a buon diritto, del Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. Si tratta di un’occasione … Continua a leggere

Pubblicato in appunti di viaggio, impara l'arte, personali, televisione | Lascia un commento

Benvenuti a Vigata.

Vigata non è un punto sulla carta geografica della Sicilia infatti, così come l’immaginario capoluogo Montelusa, non esiste nella realtà, ma è più reale del vero soprattutto da quando la Rai ha cominciato a produrre le storie del Commissario Montalbano, … Continua a leggere

Pubblicato in appunti di viaggio, in biblioteca, mondo di celluloide, personali, persone e personaggi, televisione | Lascia un commento

Batman, un uomo in calzamaglia.

Su Netflix ho trovato un capolavoro assoluto: “Batman: The Movie” girato nel 1966, quando Batman dalle nostre parti era ancora l’Uomo Pipistrello (e Superman era noto come Nembo Kid). A differenza dei film più recenti che hanno come protagonista l’eroe mascherato, … Continua a leggere

Pubblicato in mondo di celluloide, passato (quasi) remoto, personali, televisione | Lascia un commento

Palinsesti quasi estivi (ovvero il ritorno di Don Camillo e Peppone).

Quando si avvicina l’estate le televisioni tendono a concentrarsi un po’ meno sull’auditel, i palinsesti si fanno meno aggressivi  e si torna a rispolverare inossidabili “vecchie glorie” che comunque riscuotono sempre un po’ di attenzione. In questo periodo quasi estivo, … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, in biblioteca, mondo di celluloide, passato (quasi) remoto, personali, televisione | Lascia un commento