Archivi categoria: passato (quasi) remoto

Il giorno prima di Santa Lucia.

Oggi è il giorno di Santa Lucia, ieri era il 12 dicembre, il giorno che per me, e credo per tutti quelli della mia generazione, è ancora e sempre l’anniversario della strage di Piazza Fontana, della bomba nella Banca Nazionale … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, diritti e doveri, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

Il Museo Bagatti Valsecchi.

La casa si trova proprio nel Quadrilatero della Moda, a pochi passi dalle vetrine lussuose di via Monte Napoleone e, vista da fuori, è un edificio elegante ed austero che non lascia neppure lontanamente immaginare il fasto delle stanze del … Continua a leggere

Pubblicato in appunti di viaggio, impara l'arte, Milano nel cuore, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

I Re Magi.

Quando ero bambina li guardavo incuriosita quando li liberavamo dall’involucro polveroso di carta di giornale che li aveva protetti per un anno dagli urti e dai rischi di rottura in cui potevano fortunosamente incappare nella nostra cantina. Li mettevamo lontano … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

I sapori del Natale.

Il periodo natalizio (che più o meno inizia all’inizio di dicembre e finisce intorno alla metà di gennaio) è un tempo di grandi abbuffate da scontare poi con un tempo più o meno lungo di rimorsi e dieta ferrea. Una … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, il piacere del cibo, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

A disen “la canzon la nass a Napoli”.

Ogni tanto, nella casa di riposo dove vive mia madre, arriva un coro che allieta gli ospiti con canzoni un forse po’ datate, ma piene di ritmo e di allegria. Sono canzoni di tanto tempo fa che parlano di amori … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, e adesso musica, Milano nel cuore, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

La volta che andammo a Parigi.

Una volta (sembra che sia passato un secolo) le gite scolastiche erano una faccenda più semplice rispetto ad ora: non c’erano i limiti di spesa con cui fare i conti (anche se non si poteva certo largheggiare), le formalità burocratiche … Continua a leggere

Pubblicato in appunti di viaggio, così è la vita, i giorni della scuola, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

Storie di accoglienza.

Il fratello e la sorella di mio padre, che erano molto più giovani di lui, avevano trascorso gli anni della guerra, che erano anche gli anni della prima infanzia a Milano, nel quartiere Isola, con il continuo rischio dei bombardamenti … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, diritti e doveri, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

Le truppe cammellate

“Truppe cammellate” è una espressione dalla connotazione vagamente negativa che ha assunto il significato, nel gergo della politica, di “sostenitori, raccolti in corrente o in associazione,  di un partito politico, di un movimento o di un leader”, l’espressione trae origine … Continua a leggere

Pubblicato in appunti di viaggio, così è la vita, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

Mille papaveri rossi.

In questa settimana, quella che precede il centesimo anniversario della fine della Grande Guerra, Londra è tutta un fiorire di papaveri, i “Poppies” che spuntano sui baveri delle giacche, che scendono a cascata, come una lunga scia di sangue, dalla … Continua a leggere

Pubblicato in appunti di viaggio, così è la vita, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

Sapori di una volta.

Qualche giorno fa ho fatto un giro veloce a Cremona, più che altro per visitare una scuola, ma sono riuscita a trovare un po’ di tempo per fare un giro in centro, per dare un’occhiata al Duomo e al Torrazzo … Continua a leggere

Pubblicato in appunti di viaggio, così è la vita, il piacere del cibo, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento