Archivi categoria: passato (quasi) remoto

Quando si spensero tutte le luci.

Mezzo secolo fa, il 12 dicembre, una bomba scoppiava nel salone centrale della Banca Nazionale dell’Agricoltura , in Piazza Fontana a Milano. Mezzo secolo fa la città e tutto il Paese scoprirono di essere usciti dall’età dell’innocenza, dall’euforia del boom … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, Milano nel cuore, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

Frutta secca.

Arachidi, noci, nocciole e mandorle ormai sono onnipresenti, in tutti i mesi dell’anno, sui banchi dei fruttivendoli e nei supermercati e insieme ad esse sono comparsi altri frutti di provenienza più esotica e dal sapore meno consueto. Un tempo, invece, … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, il piacere del cibo, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

Radici.

Qualche giorno fa ho fatto visita alla zia che da pochi mesi è rimasta sola e, tra una chiacchiera e l’altra, abbiamo cominciato a leggere gli appunti dello zio che, alcuni anni fa, aveva tentato di ricostruire, attraverso l’anagrafe del … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, Milano nel cuore, passato (quasi) remoto, personali | 1 commento

Asolo

Asolo è un borgo delizioso in provincia di Treviso e fa parte del club dei borghi più belli d’Italia, arroccato sulle colline si affaccia su una vasta pianura, tanto che il Carducci la definì “la città dei cento orizzonti”. Il … Continua a leggere

Pubblicato in appunti di viaggio, così è la vita, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

Monete di cioccolato e lampadine.

Ogni anno il Natale arriva sempre più presto e le vie del paese sono già illuminate da decine di lampadine (ma, in fondo, qualcuno dirà, per noi ambrosiani è già iniziato l’Avvento e quindi il clima natalizio è di rigore). … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

Il castello di Masino.

Il Castello di Masino, che si affaccia sull’ampio panorama del Canavese tinto dei colori autunnali e avvolto nelle brume di questa uggiosa e gelida giornata di pioggia, è una dimora millenaria più volte rimaneggiata e riadattata alle esigenze abitative della … Continua a leggere

Pubblicato in appunti di viaggio, così è la vita, impara l'arte, passato (quasi) remoto | Lascia un commento

Milano anni 60.

“Milano anni 60. Storia di un decennio irripetibile” è il titolo di una mostra allestita negli spazi di Palazzo Morando, nel cuore del Quadrilatero, che racconta gli anni del boom economico e le vicende che hanno contribuito la rendere Milano … Continua a leggere

Pubblicato in appunti di viaggio, così è la vita, Milano nel cuore, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

Il racconto della storia.

Spesso, alla sera, mi regalo qualche ora di relax davanti alla televisione, ma non mi appassiono a film, telefilm, talk show e talent, piuttosto preferisco cercare su Youtube le conferenze del professor Barbero (soprattutto quelle del “Festival della Mente” di … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, passato (quasi) remoto, personali, persone e personaggi | Lascia un commento

Il vicolo dei lavandai.

Il vicolo è un angolo di Milano dove si respira un’atmosfera di altri tempi, di tempi in cui il lavoro era duro e non c’erano le macchine ad alleviare la fatica degli uomini e delle donne. Il vicolo deve il … Continua a leggere

Pubblicato in appunti di viaggio, Milano nel cuore, passato (quasi) remoto, personali | 1 commento

Mumac.

Il Mumac (il “Museo della macchina per caffè” del gruppo Cimbali che sorge a Binasco, alle porte di Milano) è un interessante museo d’impresa, che offre ai visitatori una ricchissima collezione di macchine per il caffè espresso, quelle da bar, … Continua a leggere

Pubblicato in appunti di viaggio, così è la vita, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento