Archivi categoria: passato (quasi) remoto

Gli orfani di “Ulisse”.

Sono un’accanita spettatrice di “Ulisse – Il piacere della scoperta” (una delle rare trasmissioni televisive che seguo) e ieri sera, con un po’ di disappunto, ho scoperto che quella sull’Imperatrice Elisabetta d’Austria è stata l’ultima puntata della stagione. Questa stagione … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, impara l'arte, passato (quasi) remoto, personali, televisione | Lascia un commento

Il pettine.

Mi piace, quando visito i musei archeologici, soffermarmi non tanto sulle lapidi o sui reperti preziosi, ma soprattutto sugli oggetti di uso quotidiano che mi sembra rivelino una disarmante verità. In una vetrina dell’Antiquarium “Alda Levi” di Milano è conservato un … Continua a leggere

Pubblicato in appunti di viaggio, così è la vita, Milano nel cuore, parliamo di donne, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

Tempo di caldarroste.

Tra le mie montagne, anche se la stagione non sembra ancora quella giusta, è ormai tempo di castagne ed è tempo di festa. Durante il week end le vie del paese si animano di bancarelle, di profumi intensi di cibi … Continua a leggere

Pubblicato in appunti di viaggio, così è la vita, il piacere del cibo, le mie montagne, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

Ricordando il Vajont.

La sera del 9 ottobre 1963 una frana di 270 milioni m³ di roccia si staccava dal monte Toc e precipitava nel bacino artificiale sottostante sollevando un’onda alta più di duecentocinquanta metri di altezza che colpiva gli abitati di Erto e … Continua a leggere

Pubblicato in appunti di viaggio, così è la vita, diritti e doveri, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

In drogheria.

Quando ero bambina e abitavo a Milano vivevo in un quartiere, l’Isola, dove c’erano tanti negozi (quelli che ora non ci sono più, soppiantati nel tempo dai centri commerciali) e fare la spesa era forse un po’ lento, ma divertente. … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, Milano nel cuore, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

Aperitivo in villa.

Oggi, in occasione delle “Ville aperte in Brianza 2018”,  negli ambienti di Villa Sottocasa, sede del Must (il museo del territorio), è stata organizzata una visita guidata accompagnata, nei vari ambienti del Museo, da un aperitivo veramente particolare. L’aperitivo consisteva … Continua a leggere

Pubblicato in appunti di viaggio, così è la vita, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

U come uva.

Quando ero bambina l scuola cominciava il primo ottobre e, dopo un periodo di varia lunghezza passato a compilare pagine e pagine di aste, puntini e cerchietti, si passava ad imparare a scrivere le vocali. Ricordo che la maestra scriveva, … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, i giorni della scuola, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

La casina delle civette.

Nel parco di Villa Torlonia, un po’ defilata rispetto alla residenza del principe, c’è una piccola costruzione, dall’aspetto bizzarro che ricorda un po’ la casa della Famiglia Addams, si tratta della Casina delle Civette. L’edificio, nato come costruzione rustica o … Continua a leggere

Pubblicato in appunti di viaggio, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

Il Colle.

Pochi giorni dopo il suo insediamento il Presidente Mattarella aveva annunciato di avere l’intenzione di aprire il Quirinale (che fino ad allora era visitabile solo sporadicamente) perché gli italiani potessero entrare in quella che non doveva essere solo la residenza … Continua a leggere

Pubblicato in appunti di viaggio, così è la vita, diritti e doveri, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

Espulsioni.

Ottant’anni fa il Consiglio dei Ministri decretava l’espulsione dalla scuola pubblica dei bambini nati da genitori “di razza ebraica” così come escludeva i docenti di religione ebraica dall’insegnamento. Ho letto spesso racconti che descrivono quel momento storico e la difficoltà … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, diritti e doveri, i giorni della scuola, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento