Archivi categoria: il piacere del cibo

Potsdamer Platz.

Era il cuore di Berlino alla fine del XIX secolo, crocevia delle strade commerciali che percorrevano la nuova capitale e conobbe il massimo splendore negli anni ’20 e ’30 quando, intorno alla piazza, sorsero teatri, negozi, luoghi di potere e … Continua a leggere

Pubblicato in appunti di viaggio, così è la vita, il piacere del cibo, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

Nel cielo sopra Berlino.

Va bene, lo ammetto, è una cosa “da turisti”, ma non ho saputo resistere alla tentazione di salire sulla Fernsehturm, la mitica Torre della Televisione, visibile da tutta la città che, con i suoi 368 metri e rotti di altezza … Continua a leggere

Pubblicato in appunti di viaggio, così è la vita, il piacere del cibo, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

Gli asparagi rosa di Mezzago.

Ogni anno, nel mese di maggio, si celebra a Mezzago la “Sagra dell’asparago rosa” giunta quest’anno alla cinquantanovesima edizione: si tratta di un’occasione per fare festa intorno a questo pregiato prodotto della terra che vanta la “Denominazione Comunale di Origine” … Continua a leggere

Pubblicato in appunti di viaggio, il piacere del cibo, personali | Lascia un commento

Il profumo delle spezie.

Oggi ho visitato la Collezione Branca, un affascinante museo d’ impresa posto nello storico stabilimento aperto nel 1907 come ampliamento della fabbrica sorta a Porta Nuova nel 1845. Il museo è imperniato, soprattutto, sulla produzione del Fernet, un liquore distillato, … Continua a leggere

Pubblicato in appunti di viaggio, il piacere del cibo, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

Per combattere il freddo.

Spesso, nel mese di aprile,tra le mie montagne l’inverno dà qualche colpo di coda e allora è nevischio e pioggia insistente e vento gelido che soffia giù lungo le vallate e un freddo che fa subito dimenticare che ormai la … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, il piacere del cibo, le mie montagne, personali | Lascia un commento

Una “coccola” stratosferica.

Quando ero bambina adoravo le caramelle “Rossana”, avvolte nella carta rossa, con l’involucro di zucchero croccante e il cuore di crema deliziosa e dolcissima dal vago sapore di nocciola. Ultimamente gli scaffali dei supermercati si sono riempiti di creme spalmabili … Continua a leggere

Pubblicato in il piacere del cibo, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

Il primo rumore del mattino.

I miei risvegli, soprattutto da quando sono in pensione, sono abbastanza soft infatti non c’è più il cicalino stridulo della sveglia che mi strappa dal sonno e gli altri rumori, i suoni del paese che si avvia verso una nuova … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, il piacere del cibo, personali | Lascia un commento

Un mondo di dolcezza.

In genere tra “dolce” e “salato” preferisco di gran lunga il salato, tra una fetta di torta e un trancio di pizza non ho dubbi, ma qualche volta mi capita di entrare in una pasticceria, magari in un locale storico … Continua a leggere

Pubblicato in appunti di viaggio, così è la vita, il piacere del cibo, personali | Lascia un commento

Creme caramel

E’ uno dei dolci dell’infanzia, quello che la mamma preparava quando avevamo ospiti e che arrivava in tavola su un piatto da portata di porcellana a fiori, con il profilino d’oro zecchino. C”è ancora quel servizio di piatti da dolce, … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, il piacere del cibo, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

Aria di casa.

Alla mia nascita mia madre si dimise dall’ufficio dove lavorava (allora si usava così) e cominciò a fare la mamma a tempo pieno e allora il lavoro delle casalinghe era una faccenda tosta. Da quando ho ricordi vedo la mia … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, il piacere del cibo, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento