Archivi categoria: passato (quasi) remoto

Il vicolo dei lavandai.

Il vicolo è un angolo di Milano dove si respira un’atmosfera di altri tempi, di tempi in cui il lavoro era duro e non c’erano le macchine ad alleviare la fatica degli uomini e delle donne. Il vicolo deve il … Continua a leggere

Pubblicato in appunti di viaggio, Milano nel cuore, passato (quasi) remoto, personali | 1 commento

Mumac.

Il Mumac (il “Museo della macchina per caffè” del gruppo Cimbali che sorge a Binasco, alle porte di Milano) è un interessante museo d’impresa, che offre ai visitatori una ricchissima collezione di macchine per il caffè espresso, quelle da bar, … Continua a leggere

Pubblicato in appunti di viaggio, così è la vita, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

Il Muro.

La mia prima volta a Berlino fu nell’agosto del 1971 e avevo diciotto anni, si trattava di un viaggio organizzato dal nostro Oratorio, il muro che divideva la città era lì ormai da dieci anni e sembrava ineluttabilmente incrollabile. Berlino … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

Il coraggio di testimoniare.

Alzarsi in piedi davanti alla senatrice Liliana Segre non è solo un segno di rispetto per la persona, ma anche per la sua storia e per la grande dignità con cui ha saputo, in questi anni, testimoniarla. Liliana Segre è … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, diritti e doveri, passato (quasi) remoto, personali, persone e personaggi | Lascia un commento

Più di un secolo.

E’ passato ormai più di un secolo dal 4 Novembre 1918 che, per l’italia, rappresenta la fine della Grande Guerra e la definitiva conclusione del processo di unità nazionale iniziato con le guerre risorgimentali dell’ottocento. Oggi il 4 novembre è … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, diritti e doveri, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

Già quasi novembre.

L’ultima domenica di ottobre segna, ormai da molti anni, il passaggio dall’ora legale all’ora solare e di colpo piombiamo nel buio, come se l’inverno, che sembrava del tutto esorcizzato dal perdurare della luce nelle ore serali, all’improvviso si presentasse alle … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

Ci vuole del fegato.

Gli uomini, da sempre, si ingegnano a trovare modi, a volte anche molto fantasiosi, per conoscere il futuro, per avere delle “dritte” prima di imbarcarsi in un affare o in un amore o, più banalmente, in un viaggio, in un … Continua a leggere

Pubblicato in appunti di viaggio, così è la vita, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

E festa sia.

La prima domenica del mese di ottobre nel mio paese si celebra la festa patronale dedicata alla Madonna del Rosario ed è un evento ancora sentito anche se, probabilmente, molto diverso da come veniva celebrato nel passato. Una volta era … Continua a leggere

Pubblicato in così è la vita, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

La luce dei secoli bui.

Forse per colpa del Petrarca, che metteva questo periodo in contrapposizione con la luce abbagliante della cultura greco-romana, siamo portati a considerare gli anni dell’Alto Medioevo come un tempo oscuro, caratterizzato da razzie e violenze, segnato da una generale decadenza … Continua a leggere

Pubblicato in appunti di viaggio, così è la vita, impara l'arte, Milano nel cuore, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento

Altri punti di vista.

Tempo fa ero salita sul tetto della Galleria Vittorio Emanuele II, uno dei luoghi di Milano che amo particolarmente, e durante la visita avevo potuto ammirare l’elegante struttura della volta e il panorama, sempre affascinante, della città incorniciata dalle Prealpi. … Continua a leggere

Pubblicato in appunti di viaggio, così è la vita, impara l'arte, Milano nel cuore, passato (quasi) remoto, personali | Lascia un commento