Tempo di caldarroste.

Tra le mie montagne, anche se la stagione non sembra ancora quella giusta, è ormai tempo di castagne ed è tempo di festa.

Durante il week end le vie del paese si animano di bancarelle, di profumi intensi di cibi buoni e un po’ rustici, di gente spensierata, di bambini che si cimentano con giochi antichi, costruiti con pezzi di legno colorato scoprendo come possa essere divertente cercare di costringere una pallina a percorrere un labirinto.

Su tutto aleggia il profumo delle caldarroste, caldo e confortante, che si spande dalle grandi padelle che oscillano sul fuoco vivo.

Ognuno ha fra le mani un cartoccio, ognuno ha le dita annerite dal nerofumo e l’espressione di chi ritrova un sapore antico, ma mai dimenticato.

Moggio - Sapori e profumi 2018

Moggio - Sapori e profumi 2018

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, il piacere del cibo, le mie montagne, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.