Historia magistra vitae.

Mala tempora currunt (…e ci risiamo col latino, oggi è una giornata così): ha fatto il giro della blogosfera la gaffe del manager che incitava a fare “come Napoleone a Wateloo”, e pensare che io mi arrabbio con i miei ragazzi se parlano, a proposito della prima guerra mondiale, del generale Cameron Diaz, ma si sa studiare la storia costa fatica e poi, diciamocelo, la storia non è “produttiva” non favorisce la “crescita”, non serve a rallentare il costo del barile di greggio o a vendere un prodotto.

Gli antichi la definivano “magistra vitae“, ma, appunto, erano antichi, non avevano a che fare col villaggio globale, con il mercato, con i paesi emergenti (al massimo avevano qualche scaramuccia coi Cartaginesi, coi Parti e con i Daci) e potevano permettersi il lusso di dedicare ad essa una vita di studi e di ricerche.

Oggi temo che siano in molti a considerare la storia (e la storiografia) una disciplina non strettamente necessaria, quasi un abbellimento culturale, qualcosa che si può conoscere superficialmente, tanto non ti cambia la vita, qualcosa che si può manipolare a proprio uso e consumo, magari si può citare qualche aneddoto raffazzonato qua e là, tanto per dare l’impressione di essere colti.

Ma la Storia resta lì, testimone muta del nostro passato, ci ammonisce, ci indica gli errori commessi e illumina il nostro futuro: per questo mi piace studiare la storia, per questo mi piace insegnarla.

milano Garibaldi

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in i giorni della scuola, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Historia magistra vitae.

  1. Sav scrive:

    E a proposito di “manipolazioni”, questa è proprio sul Corriere.it di oggi:
    “Dell’Utri: se vinceremo le lezioni, i libri si storia saranno revisionati”

    Come volevasi dimostrare…
    Ciao, sciura Pina!

  2. Alberto scrive:

    Che la storia illumini il futuro mi sembra un’ipotesi azzardata.

    La foto di Garibaldi l’ho fatta anch’io. Farò un po’ di ironia sul poncho.

  3. Sciura Pina scrive:

    Forse non illumina il futuro ma ci dà le chiavi di lettura per interpretare il presente e ipotizzare (con una discreta approssimazione) le conseguenze delle scelte che operiamo.

  4. ami scrive:

    Sto leggendo ” E continuavano a chiamarlo impuntà” di Gomez e Travaglio e capisco sempre di più come possa essere comodo manipolare e mistificare la verità così poi quando diventerà storia verrà usata per fregarci di nuovo. Temo non ci sia molto da stare allegri per il prossimo futuro……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.