Addio cummenda!

Vorrei ricordare anch’io Guido Nicheli, un onesto professionista che aveva creato, nella figura del “Commendator Zampetti”, una maschera da teatro dell’Arte.

Il suo era un cinema disimpegnato, leggero, ma non sta scritto da nessuna parte che si debba, per forza, essere “impegnati” e, comunque, col suo lavoro d’attore sapeva regalare un sorriso, magari spensierato, ma sicuramente salutare e liberatorio.

Aveva creato un personaggio “vero” come ne ho conosciuti tanti. piccoli imprenditori venuti su dal nulla, con un linguaggio a metà strada fra il dialetto della bassa e un inglese maccheronico, con l’orologio costoso sul polsino, la macchina rombante, mentre la moglie fa shopping nel triangolo della moda, che va alla prima della Scala, ma preferirebbe di gran lunga sedere, imbacuccato, nel primo anello di San Siro, settore rosso, a pochi metri dalla tribuna Vip, che mangia sushi, ma sogna la “cassoeula”, sorseggia champagne, ma berrebbe volentieri un barbera.

Il nostro cinema è, da domenica, un po’ più povero.

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in mondo di celluloide. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Addio cummenda!

  1. clio scrive:

    anche a me è dispiaciuto per la sua morte.
    A me faceva veramente ridere tanto, forse tra tante scemenze questa dopo un po’ faceva pensare.
    Clio

  2. sarah scrive:

    anche secondo me…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.