Come un balzo verso l’ignoto.

Poche cose raccontano la vocazione dei portoghesi per il mare come il “Monumento alle Scoperte” (“Padrão dos Descobrimentos” nell’idioma locale) che sorge sull’estuario del Tago a poche centinaia di metri dalla Torre di Belem.

Si tratta di un monumento costruito (o meglio ricostruito) nel 1960 per ricordare i cinquecento anni dalla morte di Enrico il Navigatore e celebrare una stagione epica di navigazione, apertura di nuove rotte, esplorazioni e scoperte.

Ricorda una nave protesa verso l’acqua e sulla prua è raffigurato Enrico il Navigatore con una caravella in mano mentre dietro di lui, in due file discendenti da entrambi i lati del monumento, sono scolpiti i personaggi portoghesi che parteciparono alle scoperte.

E’ un monumento emozionante, rivolto verso il fiume con uno slancio che fa pensare al desiderio di partire, di esplorare, di scoprire nuovi mondi, di raggiungere il limite e di valicarlo.

Lisbona (Portogallo) - Monumento alle Scoperte
Lisbona (Portogallo) - Monumento alle Scoperte
Lisbona (Portogallo) - Monumento alle Scoperte

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, impara l'arte, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.