Creme caramel

E’ uno dei dolci dell’infanzia, quello che la mamma preparava quando avevamo ospiti e che arrivava in tavola su un piatto da portata di porcellana a fiori, con il profilino d’oro zecchino.

Cӏ ancora quel servizio di piatti da dolce, sopravvissuto a tanti anni di feste familiari ed arrivato nella casa in montagna dove ci capita ancora oggi di ospitare gli amici.

Quando la mamma decideva di cucinare la creme caramel , che non era mai quella confezionata con il sacchettino “tristissimo” del caramello abbinato al pacchetto del preparato, si metteva in pista con largo anticipo perchè la cottura a bagnomaria richiedeva tempo e attenzione.

Alla fine il risultato, frutto di tanta pazienza ed esperienza, era sempre eccellente e i complimenti degli ospiti erano il giusto premio per le ore passate ai fornelli.

Io non ho ereditato da mia madre l’abilità nella preparazione del dolce, ma ricordo ancora la sua creme caramel deliziosa, lucida, compatta e dall’aspetto quasi setoso.

Per questo motivo, se mi capita di trovarla nel menù di un ristorante, mi piace ordinarla, ma molto spesso le mie aspettative sono state deluse: quella della mamma è ancora inarrivabile.

Monforte (Langhe)

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, il piacere del cibo, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.