Spettatori silenziosi.

L’ultima volta in cui avevo visitato la Pinacoteca di Brera il “Cristo morto” del Mantegna non era visibile perché era in restauro e mi era spiaciuto non poterlo ammirare visto che è uno dei capolavori del museo milanese che mi aveva colpito fin da bambina per la sua nuda drammaticità.

Forse allora non riuscivo a comprenderne il significato profondo, ma mi emozionava soprattutto per la vista dei piedi con il segno dei chiodi così brutalmente in primo piano.

Pochi giorni fa sono tornata e il quadro era lì, emozionante come sempre, nella sala silenziosa e, tutto sommato, quasi vuota e mi sono regalata un po’ di tempo per entrare in contatto con questa immagine del dolore e mi sono resa conto che la bellezza del dipinto sta proprio nell’esserne esclusi: c’è il corpo in primo piano con quella incredibile prospettiva di scorcio, ci sono le due figure della Madonna e di San Giovanni compresse in un angolo, chiuse in un dolore disperato, c’è un’ombra dolente sullo sfondo, ma non c’è spazio per lo spettatore che è lì, guarda, ma in qualche modo non può entrare a far parte del racconto.

Si può solo osservare in silenzio.

Milano - Pinacoteca di Brera

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, impara l'arte, Milano nel cuore, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.