Sempre caro…

A Recanati si respira la presenza del Leopardi in ogni angolo, quando si attraversa la piazzetta tra il palazzo e la chiesa e lo sguardo sfiora i versi immortali scritti con una bella grafia sui muri, oppure quando si cammina per le strade strette verso palazzo Antici o quando, uscendo un poco dal borgo, si raggiunge il colle dell’Infinito e davanti agli occhi si squaderna la pianura.

Leopardi è ancora lì, il suo spirito è ancora lì come un “genius loci”.

E poi si entra nella casa, percorrendo lo scalone che il poeta percorreva, e si attraversa la biblioteca sfiorando con lo sguardo i volumi che recano ancora le sue impronte.

Ho guardato il paese dalla sua finestra, ho visto lo stesso “natio borgo selvaggio” che anche il Leopardi guardava quando sollevava lo sguardo dalle “sudate carte”, ho allungato la mano per sfiorare il piccolo tavolo sul quale il poeta si è chinato per anni e ho provato la forte emozione di entrare in contatto con un’anima che ho tanto amato, con un genio che ho  ammirato tanto da imparare a memoria i suoi versi.

Recanati (Marche)

Recanati (Marche)

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, i giorni della scuola, in biblioteca, personali, poesia. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.