Ostalgie.

“Ostalgie” è una parola entrata nei primi anni ’90 nel vocabolario tedesco per indicare un sentimento di nostalgia nei confronti della scomparsa DDR.

Forse è proprio l’ostalgie, o forse è il desiderio di riscoprire un passato così vicino e pure così lontano, che spinge molti cittadini tedeschi a mettersi disciplinatamente in fila davanti al “DDR Museum” di Berlino.

Per me, che ho spesso visitato Berlino Est negli anni settanta, quando il muro segnava un confine non solo tra due città e tra due nazioni, ma anche tra due modi di vivere e tra due culture, visitare il museo è stato un tuffo in un passato del quale, francamente, non sento la mancanza.

Mi sono aggirata tra le Trabant e le stanze arredate in puro stile DDR, e le divise dei pionieri e gli oggetti simbolo di quei tempi senza rimpianti e anche senza curiosità, ma con un desiderio di scoperta e di riscoperta di un mondo che conoscevo bene, ma che non amavo, perchè non amavo il clima un po’ claustrofobico della città divisa dal muro.

Per chi non ha memoria di quei tempi il “DDR Museum” è un’esperienza irrinunciabile.

Berlino - Museo della DDR

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.