Caramelle dagli sconosciuti.

“Mai accettare caramelle dagli sconosciuti” mi ripetevano i miei genitori quando mi mandavano sola per il mondo, con un po’ di trepidazione, ma consapevoli che arriva un momento in cui il cucciolo deve poter lasciare il nido.

Le caramelle altro non erano che una metafora per spiegarmi, fin da quando ero piccolissima, che bisogna fare molta attenzione quando qualcuno ci chiede la nostra fiducia dimostrandosi amichevole e che, prima di fidarmi di uno sconosciuto, lo sconosciuto deve essere un po’ meno “sconosciuto”.

Questa sera, quasi per caso, mi sono soffermata su “Chi l’ha visto” e l’argomento della trasmissione mi ha catturato: si parla delle “truffe affettive” che, attraverso i social, colpiscono donne e uomini di tutte le età, che accettano l’amicizia (le caramelle) di sconosciuti e sconosciute e si trovano irretite in una relazione a distanza che ha, come unico scopo, quello di spillare denaro, rubando i sentimenti e annientando la dignità.

Sembra incredibile che delle persone adulte possano cadere in questi tranelli, ma sicuramente la solitudine e la fiducia mal riposta nella “verità” della rete giocano un ruolo importante.

In fondo, qualche tempo fa, anche a me arrivavano quotidianamente richieste di amicizia da parte di affascinanti (sedicenti) ufficiali americani, di solito dislocati in remote zone di guerra, ma non ho mai accettato e non perchè io sia particolarmente furba, ma per quel monito “non accettare caramelle dagli sconosciuti” che mi accompagna fin da quando ero piccolissima.

Che dire?

Posso solo ringraziare i miei genitori.

Caramelle

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, diritti e doveri, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.