La colpa.

Liliana Segre, sopravvissuta ad Auschwitz ed oggi lucida ed appassionata testimone della Shoah, usa spesso l’espressione “la colpa di essere nati” per definire l’unica colpa che può essere imputata a tanti innocenti che hanno conosciuto l’orrore delle leggi razziali, della deportazione, dell’internamento nei campi di concentramento e di sterminio, della fame, del freddo, dei lavori forzati, delle selezioni e della morte.

Ci sono voluti quasi cinquant’anni perché questa donna forte e coraggiosa trovasse in sé la forza e il coraggio di ricordare e di raccontare.

Come molti sopravvissuti anche lei forse sentiva una sorta di senso di colpa, la colpa di essere tornati vivi a casa, alla vita di ogni giorno, alla pace.

Quanto stride questo sentimento se confrontato con la freddezza di molti carnefici che sostenevano di non avere colpe perché avevano semplicemente obbedito a degli ordini, perché è un dovere dei soldati obbedire agli ordini.

Oggi ricordiamo la sofferenza di tutti coloro che sono passati per il camino e di tutti coloro che sono tornati con l’orrore impresso nel corpo, nella mente e nel cuore.

Auschwitz - Birkenau

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, diritti e doveri, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.