Monte Tamaro.

Mi piace molto il lavoro di Mario Botta, l’architetto svizzero artefice del Mart di Rovereto, della ristrutturazione del Teatro alla Scala di Milano e di numerosi edifici in mattoni rossi dalle linee sorprendenti.

Alcune sue chiese dalla forma inusuale possono lasciare perplessi coloro che sono abituati a edifici più tradizionali e, in qualche modo, più riconoscibili, ma, visitandole, si ha l’impressione di una ricerca di soluzioni non banali e di un “racconto”.

Una delle chiese, a mio avviso, più particolari si trova all’arrivo della funivia del Monte Tamaro, vicino a Lugano e così ieri, dopo aver attraversato il lago con il traghetto ed essere passati dalla valle cara a Fogazzaro (e a Brunella Gasperini), ci siamo affidati ad una piccola traballante cabinovia per andare a vedere quest’opera così particolare.

Inutile dire che ho trovato la chiesetta, sospesa fra cielo e terra, affacciata su un panorama stupendo, così diversa dal contesto di alpeggi, mucche e laghetti, particolarmente emozionante.

Dopo la visita all’edificio ci siamo dedicati a più consuete attività turistiche come un pranzo sostanzioso in rifugio e una passeggiata per l’alpeggio.

Monte Tamaro - La Chiesa
 

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, le mie montagne, personali, persone e personaggi. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.