Manipoli e coorti.

La riforma del”esercito romano attuata da Gaio Mario, oltre a introdurre un nuovo sistema di reclutamento, sostituì i manipoli (che erano stati usati nelle guerre Sannitiche) con le coorti  (utilizzate per la prima volta da Scipione l’Africano) più compatte e adatte alle battaglie campali.

Qualcuno si chiederà perché mai mi sia impegolata in questa (noiosa?) disquisizione sulle formazioni militari dell’antica Roma, in realtà il motivo è semplice: sono stufa di sentir cantare “stringiamoci a corte” quando qualcuno intona l’inno nazionale (quello che tutti noi che ci diciamo italiani dovremmo conoscere).

Mi chiedo di che “corte” si tratti, forse di quella in trepida attesa del royal baby? Forse di quella dei Savoia? E poi perché mai dovremmo stringerci a corte?

Il testo scritto da Goffredo Mameli recita “stringiamci a coorte” che farà un po’ vintage, ma almeno ha un senso.

Piantiamola di storpiare il “Canto degli Italiani

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in ecco perché mi lamento. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.