Notti d’estate.

Quando ero bambina e abitavo a Milano in un appartamento dai soffitti altissimi ricordo che l’inverno era gelido in modo leggendario e l’estate afosa e soffocante: in casa nostra in inverno non c’era il  riscaldamento centralizzato (ma una stufa che di notte per sicurezza veniva spenta) e d’estate l’aria condizionata era di là da venire.

Nelle sere invernali ci chiudevamo in casa, imbacuccati con golf e calzerotti di lana, e andavamo a dormire presto per trovare un po’ di tepore sotto le coperte (… e poi il giorno dopo dovevo alzarmi per tempo per andare a scuola).

Nelle sere d’estate, invece, non c’era scampo, il caldo era insopportabile e allora si usciva di casa per un gelato o una fetta di anguria in piazzetta oppure, quando la temperatura superava i trenta gradi, mio padre ci caricava in macchina e ci portava al monte Stella (la mitica montagnetta di San Siro) nell’illusione di trovare un “po’ di fresco da montagna” poco lontano dal centro cittadino.

Poi si tornava a casa e si tentava di dormire con le finestre spalancate e lo sferragliare dei tram e qualche pipistrello che, per sbaglio, si infilava in casa.

Milano finestre al tramonto

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, Milano nel cuore, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.