Settantacinque anni fa.

Settantacinque anni fa, proprio come oggi, avveniva lo sbarco in Normandia, il D-Day preludio della liberazione della Francia e dell’Europa e della sconfitta del Nazismo.

Ieri, sulle coste inglesi, sono avvenute le solenni celebrazioni dell’evento alla presenza di quasi trecento veterani, tutti in età compresa tra i 91 e i 101 anni, e di una veterana molto particolare, la regina Elisabetta, che allora era appena diciottenne e serviva nell’esercito come meccanico.

Visitare le zone dello sbarco rappresenta una lezione di storia a cielo aperto, ma ci ricorda anche che nessun risultato importante si ottiene senza sacrifici e le centinaia di croci bianche allineate nei cimiteri di guerra di tutta Europa e in particolare nel cimitero americano di Omaha ci rammentano il prezzo della nostra libertà.

Quando veniamo presi da sussulti di nazionalismo o sottovalutiamo il ruolo dell’Unione Europea nel mantenere intatte libertà, democrazia e pace dovremmo tornare in silenzio al cospetto di quelle croci e riflettere.

Omaha

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, diritti e doveri, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.