Nel Quadrilatero del Silenzio.

A Milano tutti, anche i turisti “mordi e fuggi”, conoscono il “Quadrilatero della Moda”, le vie eleganti su cui si affacciano le vetrine dei negozi più prestigiosi, ma pochi hanno dimestichezza con il “Quadrilatero del Silenzio”.

Si tratta di un quartiere, parallelo a Corso Venezia, lontano dal traffico e dai rumori della città, quieto e tranquillo, ricco di una ricchezza discreta, celata dietro alle fitte siepi che costeggiano via Mozart, via Vivaio,, via Cappuccini e via Serbelloni.

Qui sorgono edifici liberty di rara bellezza, la Villa Necchi Campiglio, raffinata e modernissima, anche se risale agli anni ’30, Palazzo Serbelloni con l’ orecchio di Wildt che funge da citofono e, soprattutto, il giardino segreto di villa Invernizzi con i suoi fenicotteri rosa.

Non è raro incontrare, lungo la cancellata, i passanti che si trattengono, incantati, ad ammirare gli uccelli che zampettano pieni di sussiego intorno ad una vasca.

Vale la pena di fare quattro passi tra queste vie che offrono un’immagine della città così insolita, lontana anni luce dalla “Milano da bere” di buona memoria.

Milano - Fenicotteri a Porta Venezia

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, Milano nel cuore, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.