Tutto finisce.

Visti sul calendario sembravano tantissimi i diciotto giorni di vacanza, eppure sono passati quasi in un lampo tra pranzi e visite a parenti ed amici (alcuni dei quali non vedevo da troppo tempo), tra attese in aeroporto e musei, tra calore e bellezza.

Ed ora si torna a scuola, si torna alla sala professori, alla prima ora di lezione del lunedì, alle aule che è impossibile sapere se saranno calde calde o fredde fredde (le vie di mezzo non sono contemplate), ai ragazzi, i miei ragazzi, che domani, lo so già, avranno un’aria stranita, avranno bisogno di raccontarsi e, invece, dovranno abituarsi di nuovo a trascorrere otto ore fra quattro muri, tra libri e lezioni, tra lavagne e quaderni.

Io mi porto dentro il ricordo di una bella vacanza passata tra persone amiche, la bellezza di Cracovia, l’emozione del volo nel cielo limpido sopra le Alpi e questo mi aiuterà ad affrontare la vita quotidiana, il lavoro, i ragazzi che non ricordano più che la scuola è la scuola, il tempo scandito dall’orologio.

E’ ora di tornare…..

Cracovia

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, i giorni della scuola, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.