Questione di sfumature.

Le parole sono importanti perchè  è grazie alle parole che formuliamo i pensieri e se il nostro lessico è articolato e complesso anche i nostri pensieri lo sono e tutto ciò è possibile grazie alla nostra lingua che è ricca di vocaboli dalle infinite sfumature che la rendono  uno strumento potente.

Quando insisto fino alla nausea con i miei ragazzi perché approfondiscano il loro bagaglio lessicale è perchè sono consapevole che conoscere solo poche parole impoverisce la loro possibilità di formulare pensieri originali.

Purtroppo il linguaggio dei nostri ragazzi, condizionato dall’uso degli smartphone, dalle “faccine” , dai “messaggini” infarciti di abbreviazioni e kappa assomiglia sempre più alla “neolingua” paventata da Orwell nel suo romanzo più profetico (1984), un linguaggio ridotto quasi a monosillabi dai significati semplificati fino al punto di significare veramente poco  e che non permette neppure di articolare i pensieri perché ogni complessità semantica è stata abilmente cancellata e non esistono neppure i termini per descrivere qualcosa di diverso dal pensiero dominante.

Vorrei lasciare questo ai miei ragazzi: la consapevolezza che essere padroni delle parole è un passo importante verso la libertà.

Milano - Expo 2015

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, diritti e doveri, i giorni della scuola, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.