Come e perché rinunciare alla dieta.

In realtà non sono proprio a dieta, ma cerco di controllare quello che mangio per evitare di debordare, per riuscire a continuare a salire le scale di corsa, perché sentirmi leggera mi piace e mi fa stare bene.

D’estate, di solito, ci riesco anche perché faccio tanto movimento e mangio frutta e verdura e cibi leggeri.

Poi viene l’autunno, comincia a piovere e a fare un po’ più freddo, e allora vengo presa improvvisamente dal desiderio di mettere sotto i denti qualcosa di più caldo, più ricco e confortante e comincio a vagheggiare piatti di polenta accompagnati da funghi e formaggi fusi, brasati e stracotti annaffiati da un buon bicchiere di vino rosso.

I mesi autunnali preludono anche alle feste di fine anno, alle cene con gli amici, ai cenoni, ai dolci natalizi, ai brindisi di capodanno e di conseguenza la dieta diventa un pio desiderio.

Forse basta solo ignorare la bilancia per un po’.

Piani di Artavaggio

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, il piacere del cibo, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.