Il primo rumore del mattino.

I miei risvegli, soprattutto da quando sono in pensione, sono abbastanza soft infatti non c’è più il cicalino stridulo della sveglia che mi strappa dal sonno e gli altri rumori, i suoni del paese che si avvia verso una nuova giornata, i motori delle automobili, le voci dei bambini che vanno a scuola mi arrivano quasi ovattati.

E’ un po’ come se il mio cervello non fosse ancora pronto a mettersi in moto, ma avesse bisogno di un altro suono per svegliarsi completamente.

E l’altro suono c’è ed è il gorgogliare allegro del caffè nella moka che, insieme al profumo, mi avverte che la giornata è davvero iniziata.

Preparare il caffè è la prima azione della mattina che compio quasi ad occhi chiusi, con il pilota automatico inserito, e poi, mentre l’acqua bolle, guardo fuori dalla finestra, mi rendo conto se il cielo è sereno, se piove o c’è la nebbia, se il gelo notturno ha steso un velo di brina sul prato e sulle auto parcheggiate.

Poi riempio la tazzina e la giornata comincia.

tazzina

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, il piacere del cibo, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.