Effimero.

Effimero è il piccolo capolavoro che nasce dai gessetti e dalle mani sapienti di un “madonnaro”, effimero perché basta una pioggia leggera, una bava di vento, un passante distratto per cancellarlo, eppure, pur nella sua precarietà, mi incanta, come mi incantava da bambina quando ricordo che, intorno alle chiese, fiorivano le immagini sacre tracciate con gesti sicuri da questi artisti di strada.

Oggi se ne incontrano meno, rispetto ad un tempo, forse perché le nostre città affollate non offrono tanti spazi da dedicare a quest’arte gentile e leggera ed è un peccato perché potersi soffermare per vedere il disegno prendere forma e i colori spandersi sul selciato è una gioia.

Quando mi capita di incontrare un “madonnaro” non posso fare a meno di fermarmi, con una punta di nostalgia.

Bologna - artista di strada

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, impara l'arte, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.