Trenta giorni ha novembre.

Quando ero piccola mi avevano insegnato un’utile filastrocca per permettermi di ricordare quanti giorni ha ogni mese dell’anno anche perchè, nella mia ingenua praticità di bambina, avrei preferito che tutti i mesi avessero trenta giorni e mi rifiutavo di comprendere perchè non fosse possibile quella piccola “riforma”.

Poi ho imparato che le cose non possono sempre funzionare come mi piacerebbe che funzionassero.

E così stamattina, ripetendomi la filastrocca, mi sono resa conto che anche il mese di novembre è finito, che sono già passati quasi tre mesi di scuola, che Natale è alle porte e che il tempo continua a correre sempre più veloce e io ho sempre più l’impressione di non riuscire a tenere il passo con la sabbia che scorre velocissima nella clessidra.

Ho bisogno di un po’ di lentezza, giusto per riuscire a tirare il fiato.

Piani dei Resinelli

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.