Disintossicarsi almeno un po’.

Mi piace, quando sono in vacanza, concedermi i piccoli lussi che, durante l’anno scolastico, mi sono preclusi: mi piace uscire quando voglio, passeggiare lentamente, sedermi al bar (o su una panchina se l’ultimo acquazzone l’ha lasciata praticabile) a leggere il giornale, cucinare qualcosa che richieda più di un quarto d’ora del mio preziosissimo tempo, fermarmi a chiacchierare oziosamente con qualche amico (o conoscente).

Mi piace dilatare i tempi senza la schiavitù dell’orologio, e mi piace persino, con tutta questa abbondanza di tempo che mi è stata regalata, non trovare il tempo per accendere il computer.

In vacanza imparo, a poco a poco, a disintossicarmi da tutte le mie abitudini frenetiche: non casca il mondo se per sei ore non controllo la posta elettronica o non sfoglio un giornale online, non casca il mondo se non sono aggiornatissima sugli ultimi sviluppi della politica planetaria o sugli ultimi tweet di amici e parenti.

Fare i conti con una connessione non velocissima (e a traffico limitato) mi aiuta a risistemare le mie priorità: per questo motivo probabilmente questo blog non sarà aggiornato sempre puntualmente.

Mi sto disintossicando.

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in computer, così è la vita, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.