La città del Palladio.

Andrea di Pietro della Gondola, conosciuto universalmente come Andrea Palladio, in onore della dea della sapienza e delle arti Pallade Atena, non era nato a  Vicenza, ma a Padova da dove si trasferì in età giovanile.

Vicenza, tuttavia, è la “sua” città, dove ha lasciato un’impronta indelebile del suo genio e ciò risulta ancora più evidente passeggiando per la città e percorrendo il corso a lui dedicato quando, ad un incrocio, sulla destra appare la Basilica Palladiana in tutto il suo splendore.

Non si può non farsi affascinare dalla bellezza dell’edificio, quasi sproporzionato rispetto alla piazza, ma armonico ed elegantissimo nel richiamare le misure dell’arte classica.

E poi, continuando in cerca di bellezza, tra una loggia e la facciata di un palazzo si giunge al Teatro Olimpico, la sua opera incompiuta.

Mi sono seduta sulle gradinate di legno e ho ammirato a lungo il palcoscenico, con le quinte prospettiche, e ho provato ad immaginare la rappresentazione dell’Edipo Re e mi sono lasciata scivolare nel tempo sul filo della bellezza e dell’armonia che non hanno età, che non hanno data di scadenza.

Vicenza - Basilica Palladiana

Vicenza - Teatro Olimpico

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, impara l'arte, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.