Parole e riflessioni.

Tra le mani i fogli, con gli occhi scorro poesie, testimonianze, racconti che sabato prossimo leggerò per la celebrazione della Giornata della Memoria.

Non ho bisogno di cercare le emozioni dentro di me, le parole sono così crude, evocative, lucide ed essenziali che dolore, tristezza, rabbia e orrore mi invadono come un fiume in piena.

Preparare le letture mi aiuta a riflettere, mi fa pensare, mi accompagna nella ricerca della memoria ed è un’esperienza forse più importante e coinvolgente per me che per coloro che sabato ascolteranno queste parole.

Il mio compito è quello di renderle il più possibile vive e vere, il mio compito è quello di cercare di sparire perché la testimonianza resti centrale, perché le parole possano evocare la Shoah in tutta la sua terribile realtà.

Auschwitz - Birkenau

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in in biblioteca, passato (quasi) remoto, personali, poesia. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Parole e riflessioni.

  1. Alberto scrive:

    Ci riuscirai anche questa volta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *