Ricordi in libertà.

Ci sono giornate, come oggi ad esempio, in cui nella mente si affollano i ricordi, sono i ricordi felici di una vita e, nel loro riaffiorare , provocano un dolore sordo, ed è difficile ricacciarli indietro, o forse più semplicemente non voglio ricacciarli indietro.

Oggi mio marito avrebbe raggiunto il traguardo dei settant’anni e il pensiero di questo anniversario “mancato” mi addolora, come mi addolora ripensare a tutti i compleanni vissuti insieme, alle feste strettamente familiari segnate da una torta al cioccolato (mio marito era goloso) e dalle candeline che spegneva con un po’ d’imbarazzo, visto che era schivo e non amava stare al centro dell’attenzione, ma ricordo anche il sorriso con cui ci guardava di sottecchi, un sorriso che diceva, più delle parole, la gioia di stare insieme e la contentezza per la festa.

Mi lascio cullare dai ricordi anche se oggi il senso di vuoto è più forte,

Londra - Hammersmith lungo il Tamigi

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.