Visti e passaporti.

Oggi ho consegnato modulo, foto e passaporto per la richiesta del visto per il viaggio di Capodanno (la meta, per ora, resterà avvolta nel più fitto mistero) e mi è sembrato di fare un tuffo nel passato.

Quando ero una ragazza e viaggiavo attraverso il continente buona parte dell’Europa richiedeva un passaporto e un visto e, per poter partire, bisognava organizzarsi per tempo e magari fare un giro a Roma e accamparsi davanti ad un’ambasciata in attesa del prezioso documento.

Poi bisognava sobbarcarsi code estenuanti alle frontiere e controlli minuziosi e un po’ inquietanti durante i quali avevo sviluppato una incredibile tecnica nel rendere la mia faccia vagamente somigliante alla foto sul passaporto.

Viaggiavo nell’Europa attraversata dalla cortina di ferro, passavo da Berlino ovest a Berlino est varcando il muro con un po’ di batticuore, mi imbarcavo su treni diretti in Polonia, percorrevo lunghi tratti di territorio completamente spopolati che con un’espressione fantasiosa venivano definiti “terra di nessuno” e ogni volta assaporavo il gusto un po’ aspro dell’avventura.

Poi le frontiere sono cadute, i muri sono crollati (salvo poi spuntare di nuovo in tempi recenti) e passare da una nazione all’altra è diventato semplice.

In fondo la mia generazione viaggiava nella speranza di costruire un mondo senza barriere e senza bandiere.

Idroscalo 2013

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.