Castell’Arquato.

Il borgo è uno dei tanti bellissimi  borghi ricchi di storia e di arte che punteggiano le campagne e le zone collinari del nostro Paese e che se ne stanno lì, silenziosi e apparentemente immutabili, testimoni di un passato lontano.

Castell’Arquato sorge nel piacentino, arroccato su un colle lungo la valle dell’Arda e, da lontano, se ne riconosce il profilo merlato che spunta tra i declivi verdissimi coperti di vigne.

Si passeggia sui ciottoli, tra edifici carichi di anni, tra le pietre antiche, per stradine tortuose che conducono alla sommità del borgo dove sorgono gli edifici civili e religiosi, dove si svolgeva la vita, una vita che non sappiamo neppure immaginare, una vita che crediamo di conoscere dai libri o dai film, una vita che doveva essere spesso difficile, così diversa dalla nostra quotidianità.

Le pietre sembrano accendersi nella luce del pomeriggio di questo ottobre soleggiato, i profili degli edifici si stagliano nell’azzurro del cielo, i fiori alle finestre sembrano più colorati e tutto è avvolto da una tranquilla bellezza, da una composta eleganza.

E ancora una volta mi sento orgogliosa del Paese dove sono nata.

Castell'Arquato (Piacenza)

Castell'Arquato (Piacenza)

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, impara l'arte, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.