Senza fine.

Le scosse di terremoto, la neve che scende copiosa, il freddo, l’oscurità e inevitabilmente la paura e lo sconforto flagellano i paesi già colpiti dal sisma in una disgraziata sequenza che non sembra avere fine.

Le immagini dei paesi sommersi dalla neve, le storie di persone costrette ad affrontare un inverno terribile senza il conforto di vivere tra le proprie cose, nella propria casa scorrono sullo schermo televisivo e lasciano una scia di dolore sordo, di desolata impotenza.

Come sembrano piccoli, trascurabili e meschini i piccoli disagi quotidiani di cui ci ostiniamo a lamentarci.

Ogni tanto dovremmo soffermarci a meditare sul fatto che poter vivere in una casa calda, che poter riempire un frigorifero e decidere cosa e quando mangiare, che poter affrontare le giornate in tranquillità è un grande privilegio.

Cavenago

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.