Pellegrinaggi.

Ci sono luoghi dove, a volte, torno non per vedere un panorama o un monumento, ma perchè spinta quasi da una necessità, dal bisogno di ricordare, dal pensiero che sia un dovere tornare.

Uno di quei luoghi è la Stazione di Bologna.

Quando mi capita di passare per la città, e arrivandoci in treno mi capita “sempre” di passare per la stazione ferroviaria, mi soffermo sotto all’orologio fermo all’ora della strage e poi davanti al “brandello di muro” con incisi i nomi delle vittime.

Mi soffermo e ripenso a quella mattina di sabato di tanti anni fa, alle persone che attendevano il treno del mare con la gioia e la spensieratezza di chi sta partendo per le vacanze, ripenso all’orrore, al dolore, ai silenzi, alle verità troppo a lungo negate, ripenso a quell’Italia definitivamente uscita dall’età dell’innocenza e dell’ottimismo.

Penso e forse prego.

Bologna - La stazione

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, diritti e doveri, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.