Ritrovarsi.

Mi capita abbastanza spesso di ritrovarmi a cena, davanti ad una pizza e ad una birra, con qualche vecchio amico: si tratta di rimpatriate tra “vecchi” ragazzi, cresciuti insieme, o tra persone con cui ci si è persi di vista per un po’, ma che hanno condiviso con noi un percorso lungo o breve, sono occasioni per ricordare, per rivivere il passato, per ritrovarsi e fare il punto della situazione con quelli che erano e sono i nostri coetanei ed è anche piacevole il gioco del “ti ricordi?” vissuto con una sdrucciolevole sensazione di nostalgia.

Non mi era mai capitato, invece, di cenare con degli ex allievi che avevo lasciato poco dopo gli esami di terza media e che ritrovo all’indomani della maturità.

Ieri sera è successo ed è stato bellissimo trovare giovani donne e giovani uomini proiettati verso il futuro, consapevoli delle loro speranze e delle aspettative, che non vivono la malinconia del ricordo, ma che non rinnegano i ricordi.

E’ stato bellissimo rivedere i loro occhi attenti, come tanto tempo fa, ma allora era un gravoso dovere, oggi è affetto e simpatia e voglia di condividere e non c’è più il distacco naturale tra scolari e insegnanti, ma c’è una nuova rispettosa confidenza.

Grazie ragazzi per come siete, per quello che siete diventati, per le piccole tracce di me che ritrovo in voi.

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, i giorni della scuola, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.