Caccia grossa.

Per sfuggire un po’ al caldo saliamo in alta quota, dove non fa certo fresco, ma c’è un’arietta piacevole che mitiga il calore dei raggi del sole.

Mentre passeggiamo tra le rocce e i cespugli ci dedichiamo ad un po’ di caccia grossa, caccia fotografica naturalmente visto che siamo in fase di collaudo della fotocamera nuova.

In alto, su una roccia, mi sembra di scorgere una piccola sporgenza, che sembra un sasso, o un pezzo di legno secco, do un’occhiata e attraverso le lenti potenti dello zoom si materializza una piccola marmotta, intenta a prendere il sole e forse a controllare il territorio circostante.

Tutt’intorno le sue compagne si muovono veloci e circospette, mimetizzandosi tra le pietre e la terra, sono buffe e simpatiche, attente ad ogni piccolo movimento degli umani che neppure si accorgono di loro e dei rapaci che le tengono d’occhio.

Mi piace osservarle così, da lontano, senza disturbare la loro vita, senza creare loro inutili patemi, mi sembra di afferrare un piccolo segreto della natura.

Piani di Artavaggio - Marmotta

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, le mie montagne, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *