Un giro in miniera.

A Cortabbio di Primaluna in Valsassina è stata aperta al pubblico una miniera di barite, che è stata in esercizio fino a pochi anni fa, dove, in compagnia di una giovane guida molto esperta e competente, è possibile percorrere quasi un chilometro di gallerie seguendo i binari di una ferrovia Decauville in una visita della durata di circa un’ora e mezza.

E’ una piacevole esperienza percorrere la galleria, soprattutto in una giornata calda come quelle di questa estate visto che la temperatura si aggira intorno ai dieci gradi, armati di indumenti invernali giacca cerata,  stivaloni e elmetto.

Lungo le pareti, tra gli scrosci d’acqua, si alternano vene di minerali di ferro rossastre e di barite bianchissime e si procede fino a raggiungere la maestosa caverna dove si è lavorato negli ultimi trent’anni.

All’interno è possibile incontrare strumenti di lavoro come vagoncini e pale meccaniche o i ripostigli dove venivano collocati esplosivi e detonatori.

E’ interessante scoprire che questo luogo della fatica e del lavoro dell’uomo è diventato un luogo di conoscenza e di svago che alimenta un turismo più attento al territorio e alla storia dei suoi abitanti.

Cortabbio (Lecco) - Miniera di Barite

Cortabbio (Lecco) - Miniera di Barite

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, le mie montagne, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *