Storie dimenticate.

Tutti ricordiamo i passi incerti di Armstrong sul suolo lunare, tutti ricordiamo quei “piccoli passi” diventati nell’immaginario collettivo un “balzo da gigante per l’umanità”; molti di noi, soprattutto quelli della mia generazione, ricordano il volto sorridente di John Glenn al rientro dopo il primo volo orbitale intorno al pianeta.

La storia di questi uomini, e degli astronauti statunitensi e sovietici della grande stagione della corsa spaziale, è stata celebrata in decine di film, libri, documentari che ce li hanno resi familiari.

Nessuno ci ha mai raccontato la storia di Katherine Johnson, bambina prodigio, laureata in matematica a soli diciotto anni, la donna afroamericana che con i suoi calcoli di traiettorie e finestre di lancio ha permesso, tra l’altro, che il volo di Glenn e l’allunaggio di Armstrong avessero successo.

Il bellissimo e, a tratti, commovente film “Il diritto di contare” colma questa lacuna, il film racconta il coraggio, la determinazione che supera i pregiudizi, la forza della ragione.

Cavenago - Luna calante

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, mondo di celluloide, parliamo di donne, persone e personaggi. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.