La scuola di una volta.

Tutti coloro che, come me, hanno da molto superato gli “anta” oggi, alla notizia del genitore che ha aggredito l’insegnante reo di aver rimproverato il pargolo, devono aver rivolto un (grato) pensiero alla loro scuola, ai loro insegnanti e soprattutto ai loro genitori.

Personalmente sono grata ai miei genitori che non hanno mai preso le mie difese, che con infinito amore mi hanno insegnato quali erano i miei doveri, che mi hanno insegnato il rispetto per gli altri, per gli adulti e, in particolare, per i miei insegnanti che, ça va sans dire, quando mi rimproveravano avevano sempre ragione (… e di conseguenza mi sforzavo di farmi rimproverare molto poco).

Se pensavo di aver subito un’ingiustizia se ne discuteva pacatamente e mamma e papà mi invitavano a vedere la situazione da diversi punti di vista: forse non riuscivano a convincermi del tutto, ma mi aiutavano a riflettere, a crescere, a diventare più forte.

Oggi non credo che solo gli insegnanti vivano una crisi di credibilità e di autorevolezza, temo piuttosto che questa crisi coinvolga in modo grave le famiglie che spesso abdicano al dovere di educare perchè sedersi lì, con un ragazzino ribelle, con una ragazzina riottosa e discutere è difficile, scomodo e faticoso.

Purtroppo però è indispensabile.

Milano

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, diritti e doveri, i giorni della scuola, personali. Contrassegna il permalink.

Una risposta a La scuola di una volta.

  1. Rita scrive:

    Concordo pienamente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.