Over 65.

Appartengo alla generazione dei “baby boomers”, i nati nel decennio dopo la fine della seconda guerra mondiale, ho vissuto da bambina gli anni del boom economico, quando in tutte le case sono entrati almeno un’automobile, un televisore, un frigorifero, una lavatrice (ma ricordo ancora i viaggi in moto o in treno, “Lascia o raddoppia” visto al bar sotto casa, i panni a mollo nel secchio, il cibo al fresco sul davanzale della finestra o il panetto di burro sotto un filo d’acqua corrente).

Ho vissuto una scuola in cui “la maestra ha sempre ragione”, ma è anche “la maestra più buona del mondo”, una scuola dove se studiavi e prendevi un “pezzo di carta” avevi davanti a te tutte le possibilità, una scuola dove, nel breve volgere di pochi anni, si è passati dallo studiare tutto a memoria ad acquisire gli strumenti per interpretare la realtà.

Ho l’impressione di aver incrociato la storia del nostro Paese nei momenti giusti, ho conosciuto una dignitosa sobrietà, ma mai la povertà, non ho visto la guerra se non da lontano, ho frequentato buone scuole e per quarant’anni ho fatto il lavoro che ho scelto e che mi ha permesso di realizzarmi, ho visto crescere la consapevolezza dei miei diritti di donna, di madre, di lavoratrice.

Da oggi entro nel mondo degli “Over 65”, i vecchietti 2.0, i primi che possono permettersi il lusso di considerare gli anni che passano non una iattura, ma una risorsa.

E mentre raccolgo il fiato sufficiente per spegnere le 65 candeline e mi organizzo per progettare il futuro mi vien da pensare che, tutto sommato, sono proprio fortunata.

Milano - Isola

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.