Noli.

Oggi è una bella cittadina, turistica quanto basta, nella affollata calura estiva della Riviera di Ponente, ma percorrendo le sue strade dal selciato regolare, tra case antiche ornate di colonne dai capitelli eleganti, si sente ancora il gusto di una storia di mare e di quieta ricchezza che dal mare proveniva.

A Noli c’è ancora tutto l’orgoglio della capitale di una piccola Repubblica Marinara, la cui sorte spesso si è intrecciata con quella della più grande e opulenta Genova, ma che ha conosciuto ampi spazi di autonomia.

Da qui salpò Cristoforo Colombo diretto in Olanda, ma ebbe poca fortuna visto che fece naufragio prima di giungere a destinazione, qui trovò rifugio Giordano Bruno che per qualche mese insegnò grammatica e cosmografia, a Noli accenna anche Dante nel IV canto del Purgatorio e la città racconta questi antichi fasti con piccole lapidi lungo i portici ombrosi.

E’ piacevole passeggiare per le sue vie, all’ombra della alta torre, sfiorando negozi e portoni e ad ogni passo si scopre uno scorcio pittoresco, si scopre la bellezza di cui è sempre così prodiga la nostra Italia.

Noli (Savona)

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *