Un paesaggio alieno.

A pochi chilometri da Baku, vicino all’area dei graffiti rupestri di Gobustan, c’è un luogo affascinante e insolito che regala l’impressione di passeggiare su un altro pianeta.

Per raggiungerlo bisogna abbandonare la strada asfaltata e percorrere un lungo tratto di sterrato, magari affidandosi a dei tassisti che parlano solo russo (oltre all’azero), guidano delle Lada antidiluviane e hanno velleità da piloti di formula uno.

Se si sopravvive all’esperienza si arriva su un pianoro isolato tra le montagne brulle dove il fango argilloso, gonfiato e sospinto dal gas naturale, ha creato dei piccoli vulcani striati di colate dai riflessi quasi metallici.

Camminando tra i vulcani si sente solo il suono del fango che gorgoglia gonfiandosi in bolle tondeggianti che sbucano improvvise dai crateri e sembrano animate da un soffio di vita e lo stupore è grande tanto più che il luogo è spesso (come nel nostro caso) solitario.

I vulcani di fango sono una delle esperienze più insolite e inattese che il viaggio in Azerbaijan ci ha permesso di vivere.

Gobustan (Azerbaijan) - Vulcani di fango

Gobustan (Azerbaijan) - Vulcani di fango

Gobustan (Azerbaijan) - Vulcani di fango

Gobustan (Azerbaijan) - Vulcani di fango

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, insegnante di lettere, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.