La normalità della bellezza.

Ho passato tanti anni della mia vita tra queste montagne che spesso non mi rendo neppure conto di quanta bellezza possa regalare questa vallata.

Ogni mattina, quando esco di casa, si spalanca lo spettacolo delle Grigne con i pendii verdi punteggiati di pascoli e le case minuscole allineate lungo i sentieri, dall’altra parte, contro sole, tra i Piani di Bobbio e i Piani di Artavaggio, s’innalza la mole rocciosa dello Zuccone Campelli che ha un aspetto quasi dolomitico.

E tutto intorno sono boschi e pascoli di un verde brillante e alberi anti

chi e fiori e torrenti impetuosi e case dai balconi lussureggianti di gerani.

C’è tanta bellezza qui, una bellezza quieta e rilassante, una bellezza che riempie gli occhi e il cuore, ma è una bellezza che mi appartiene, che fa parte della mia vita, che mi rallegra e mi rasserena sempre, che, anche se non la vedo, è sempre lì, quasi fosse un tesoro nascosto, una riserva di gioia a cui posso attingere quando ne ho bisogno.

valsassina

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, le mie montagne, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.