Bisogna crederci.

Questa sera, mentre stavo sul balcone a dialogare con il “mio” merlo che per l’occasione aveva cambiato albero, penso per eludere la mia sorveglianza, lo sguardo è scivolato sulle nuvole scure e all’improvviso l’ho visto, tenue e appena accennato, l’arcobaleno.

Dopo tanti giorni di arcobaleni ben auguranti disegnati dai bambini, appesi sulle finestre e sui cancelli per raccontarci che “andrà tutto bene”, vedere un arcobaleno “vero”, in un angolo del cielo, mi ha riempito di gioia e di commozione.

Mi piacerebbe che fosse un po’ come l’arcobaleno che ha illuminato il cielo alla fine del diluvio di biblica memoria, mi piacerebbe che fosse un simbolo di rinascita, una promessa di pace dopo questi giorni travagliati.

Lo so che è un fenomeno fisico spiegabilissimo, ma mi piacerebbe credere che quel delicato arcobaleno sta lì a raccontarci che le cose andranno se non “bene”, almeno “meglio”.

In fondo basta crederci almeno un po’.

Cavenago di Brianza - Dal balcone

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.