Cantando sotto la pioggia.

Oggi è stata una giornata piovosa che ha alternato una pioggia leggera a rovesci intensi in perfetto stile temporale estivo.

La pioggia ha logicamente frenato il desiderio di uscire di casa che, nell’ultima settimana, ha preso un po’ tutti ed è stata un deciso deterrente contro gli assembramenti (sotto il monsone con l’ombrello non solo è un problema assembrarsi, ma anche camminare senza tornare a casa fradici).

La pioggia ha impedito anche la mia sessione quotidiana di giardinaggio da balcone anzi, durante i momenti più intensi, scrutavo un po’ preoccupata i miei fiori percossi dal vento e dagli acquazzoni.

Eppure, anche sotto la pioggia, il “mio” merlo canterino, che mi tiene compagnia ogni giorno dalla sommità dell’albero davanti al mio balcone, era lì, imperterrito, con le piume un po’ arruffate, incurante delle secchiate d’acqua che il cielo gli rovesciava addosso e cantava con tutta la forza che aveva in corpo.

Il “mio” merlo è proprio un tipo tosto.

Cavenago di Brianza - Dal balcone

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.