“Oggi ti porto ai Giardini Pubblici”

Quando i miei genitori (o una nonna) pronunciavano questa frase era una festa anche perchè io abitavo in una zona di Milano dove non c’erano alberi o giardinetti e la portiera dello stabile dove vivevo ci inseguiva con la scopa se noi ragazzini ci azzardavamo a giocare in cortile.

La mia era un’infanzia di giochi in casa (ad eccezione dei periodi di vacanza in Valsassina dove finalmente potevo sfogare la mia vivacità) e non vedevo l’ora di andare ai Giardini Pubblici, quelli di Corso Venezia, dove potevo correre e giocare con le macchinine a pedali e offrire una nocciolina al vecchissimo elefante dello zoo che allungava verso i bambini la proboscide in attesa di un meritato premio.

Oggi lo spazio verde è intitolato a Indro Montanelli, il giornalista che qui trascorreva i suoi momenti di svago e che fu ferito alle gambe in un attentato delle Brigate Rosse il 2 giugno 1977.

Vicino al luogo del ferimento sorge una statua che lo ritrae seduto, con la fedele Olivetti sulle ginocchia, mentre batte a macchina un articolo (come in una celebre fotografia scattata nel 1940 da Fedele Toscani nella sede del Corriere della Sera).

Milano - Parco Indro Montanelli (Giardini Pubblici)

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, Milano nel cuore, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.