Le rose sul balcone.

Ho lasciato, per tanti anni, che il mio balcone fosse vuoto e triste, senza fiori, con i vasi abbandonati in un angolo, con il terriccio secco e qualche rametto spoglio.

Era quasi come se, a dispetto della mia aria apparentemente sempre allegra, avessi in fondo all’anima una punta di tristezza che mi impediva di circondarmi della gioia che i fiori possono donare.

Poi, negli ultimi tempi, ho riaperto dei cassetti chiusi da tanti anni e ho iniziato a fare i conti con un passato doloroso che ha lasciato un’impronta profonda nella mia vita.

Non ho rimosso il passato, non l’ho dimenticato e non l’ho sepolto sotto i tanti impegni della vita quotidiana, ma forse ho cominciato ad accettarlo e a rendermi conto che devo lasciar crescere in me anche il ricordo della gioia che ho vissuto come un dono prezioso.

Allora forse le rose torneranno a fiorire sul mio balcone.

Cavenago di Brianza (prove) rosa

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in così è la vita, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.