21 Dicembre 1989

A Bucarest, durante il discorso di Nicolae Ceausesco, trent’anni fa, la folla comincia a rumoreggiare inneggiando alla rivolta scoppiata cinque giorni prima a Timisoara, l’oratore dal palco invita alla calma, poi si sentono degli spari.

Era iniziata la rivoluzione romena, a pochi giorni dalla caduta del muro di Berlino, ma questa non era una transizione pacifica, come più o meno è successo il tutti i paesi dell’Europa dell’est, a pochi giorni di distanza il dittatore venne fucilato e il paese, dove in quei giorni sventolavano le bandiere con un grande buco nel mezzo, per la scomparsa dell’emblema comunista, si avviava verso un difficile cammino di cambiamento e pacificazione.

Quando la visitai nel 1994, a pochi anni da quegli eventi, si respirava già un’aria nuova, anche se l’aspetto delle città e della campagna non era dissimile dai decenni precedenti e uno dei particolari che mi colpì fu una grande pubblicità della Coca Cola (il consumismo occidentale era arrivato) su un muro vicino alla sinagoga di Oradea.

La Romania, in questi trent’anni, ha fatto un lungo percorso che l’ha portata anche a far parte dell’Unione Europea ed è mutata come sono mutati tutti i paesi che stavano dietro la cortina di ferro.

Tra una settimana il mio aereo atterrerà a Timisoara e potrò osservare di persona il cambiamento.

Oradea - Romania 1995

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, passato (quasi) remoto, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.