Il castello di Masino.

Il Castello di Masino, che si affaccia sull’ampio panorama del Canavese tinto dei colori autunnali e avvolto nelle brume di questa uggiosa e gelida giornata di pioggia, è una dimora millenaria più volte rimaneggiata e riadattata alle esigenze abitative della famiglia aristocratica che, nei secoli, è stata proprietaria dell’edificio: i conti Valperga di Masino, il cui ultimo rappresentante, Luigi Valperga di Masino, lo cedette nel 1988 al Fai.

Il Castello sorge, in posizione strategica, su una collina morenica al centro della Piana di Ivrea, non lontano dalla Serra di Ivrea, ed è circondato da un ampio parco in cui si trova un labirinto di siepi.

Gli interni sono stati restituiti all’antico splendore grazie ad un appassionato lavoro di restauro che ha riportato in luce le decorazioni delle sale e gli arredi preziosi che, nei secoli, hanno abbellito gli ambienti.

Tra gli ambienti più suggestivi spiccano l’appartamento di Madama reale, la galleria dei poeti, il salone da ballo e lo splendido scalone che porta al piano superiore.

Il Castello è uno dei tanti beni recuperati e custoditi dal Fai che vale la pena di visitare senza trascurare una sosta in qualche trattoria dove gustare le prelibatezza della cucina del Canavese.

Castello di Masino (Piemonte)

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, impara l'arte, passato (quasi) remoto. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.