Riga e il Liberty.

Nel cuore di Riga, l’elegante capitale della Lettonia, sorge un intero quartiere di edifici Liberty (o Art Nouveau o Jugendstil, come viene definito lo stile architettonico di inizio ‘900 a seconda della latitudine e dell’idioma) .

Straordinaria è la ricchezza di questo quartiere che vanta circa ottocento tra case e palazzi costruiti tra la fine del secolo XIX e il 1914, soprattutto su progetto dell’architetto Michail Osipovič Ėjzenštejn che il figlio Sergej (il celeberrimo regista della “Corazzata Potemkin”) definiva “il pasticcere matto”, per la fantasiosa ed esuberante opulenza delle decorazioni delle sue costruzioni.

Le facciate, ricche di simboli, sono spesso giocate sui contrasti: appaiono figure maschili e femminili, giovani e vecchi, visi pacati accanto a volti contratti in orribili smorfie di dolore, vuoti e pieni.

E’ delizioso perdersi fra tanta creatività e non è un caso che l’Unesco ha deciso di proclamare il quartiere Liberty (unitamente al centro storico di Riga) “Patrimonio dell’Umanità” nel 1997.

Riga (Lettonia)

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, impara l'arte, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.