La collina delle croci.

La piccola altura, poco più che un semplice corrugamento del terreno, non si vede da lontano, ma quando ci si avvicina si intuisce la sua presenza dalla lunga teoria di pellegrini, turisti o semplici curiosi che percorrono la strada lentamente, catturati dalla spiritualità del luogo che incute rispetto e invita alla riflessione.

Da tempo immemorabile i Lituani portano qui le loro croci, per ricordare qualche persona cara, per sciogliere un voto, per elevare una preghiera.

Quelle quattrocentomila croci (ma forse sono molte di più) parlano di devozione, ma anche di identità nazionale e, forse per questo motivo, erano invise al potere, durante gli anni dell’Unione Sovietica, che tentò in molti modi, ricorrendo anche alle ruspe, di eliminare le croci che, tuttavia, ricomparivano sempre più numerose.

Oggi sono tantissime, grandi e piccole, preziose o semplici, e camminare tra di esse provoca una profonda emozione, che non è solo un sentimento religioso, ma è quasi una nuova consapevolezza della vita e del dolore.

Collina delle Croci (Kryžių Kalnas) - Lituania

Info su Sciura Pina

Sono una ultrasessantenne, milanese, ex insegnante di lettere ora felicemente in pensione, mamma e casalinga a tempo perso. Amo la lettura, la fotografia. la montagna, il cinema, la buona cucina e viaggiare, soprattutto nella vecchia Europa. Sono curiosa, abbastanza anticonformista, mi piace osservare la realtà e farmi un'idea su tutto ciò che mi circonda. Se vuoi contattarmi scrivi a: sciurapina@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in appunti di viaggio, così è la vita, personali. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.